Come la genetica funzionale può aiutarti a prendere il controllo della tua salute

Come la genetica funzionale può aiutarti a prendere il controllo della tua salute
4.1 (81.48%) 27 votes

La genomica funzionale è una modalità di test genetico estremamente utile di cui molte persone non sono a conoscenza. Bob Miller1 è un naturopata tradizionale certificato specializzato in nutrizione geneticamente specifica. È il fondatore dell’Istituto di Ricerca NutriGenetica,2 dedicato a testare e aiutare le persone a comprendere i risultati dei loro test genetici funzionali e ad applicarli per migliorare la loro salute.

Come naturopata tradizionale, non abbiamo un medico autorizzato, non facciamo diagnosi, non curiamo o prescriviamo”, spiega Miller. “Esaminiamo l’approccio funzionale di” Come è il terreno nel corpo? “……S) Quando il corpo è tossico o infiammato, è quando gli agenti patogeni hanno maggiori possibilità di prosperare

Molti anni fa, ho imparato come l’omocisteina ha percorsi di eliminazione che possono essere alterati da varianti genetiche. Ne sono rimasto molto affascinato. Ho iniziato a guardare gli enzimi che lo eliminano, poi la genetica che li sottende

Tutta la mia pratica naturopatica e olistica è (ora) dedicata ad aiutare i clienti a misurare la loro genomica funzionale, che è un po’ diversa dalla genetica tradizionale che cerca modelli di malattia, e a cercare modi per intervenire per riportare il corpo al corpo

Il nostro obiettivo è quello di essere in grado di dare un contributo ai praticanti funzionali, in modo che possano fare meglio il loro lavoro e migliorare la vita di coloro che soffrono di alcune di queste cose che nessuno sembra essere in grado di capire….

In sintesi, troviamo che le persone con debolezza genetica nei percorsi di disintossicazione sono esposte a fattori ambientali che non avevamo a che fare con 50-75 anni fa; la loro capacità di disintossicazione viene superata. Penso che sia un paradigma completamente nuovo che dobbiamo guardare in termini di benessere

Quelli che non hanno malattie specifiche, per così dire, ma che sono totalmente sopraffatti da tutti i fattori epigenetici, come i pesticidi, i campi elettromagnetici (CEM)……eccesso di ferro…..plastica….muffe….(e anche a volte si nutrono di cose come folato e glutammina….che non importa quello che cercano, non funziona….

Per questo motivo dobbiamo passare a un’assistenza personalizzata e individuale. Fortunatamente, ora abbiamo gli strumenti per farlo. “

Cos’è la genetica funzionale?

Sappiamo che alcuni geni vi predispongono ad alcune malattie o aumentano il rischio di contrarre questa malattia. Non è di questo che stiamo parlando in questa sede. La genetica funzionale si concentra sui polimorfismi mononucleotidici (SNPs) dei geni correlati alla funzione.

Probabilmente hai gia’ visto rappresentazioni della scala del DNA. Alla fine di ogni bar è una molecola di ciascuno dei tuoi genitori. Queste molecole possono rendere il vostro DNA ottimale o, se avete un SNP, il che significa un difetto, questo gene non funzionerà ad un’efficienza ottimale. Miller spiega:

“Per semplificare le cose, mangiamo grassi, carboidrati e proteine. Beviamo acqua, respiriamo aria e siamo esposti al sole. Che miracolo assoluto è che tutto questo si trasforma in noi: il nostro sangue, la nostra pelle, le nostre unghie, i nostri organi e i nostri processi di pensiero. Tutto questo è un processo enzimatico dopo l’altro

Così, un enzima assume la sostanza A; attira quelli che noi chiamiamo cofattori e produce la sostanza B. Questo avviene continuamente in tutto il corpo, processo per processo. È la vostra composizione genetica che (fornisce) le istruzioni per la produzione di questi enzimi

Quando abbiamo varianti genetiche, SNPs, su geni, questi enzimi a volte non sono così efficaci….. o possono essere regolati su o giù. Pertanto, la sostanza A alla sostanza B (conversione) può non avvenire come dovrebbe

Ora le persone sono entusiaste di sapere se hanno varianti genetiche o meno, ma c’è qualcos’altro altrettanto importante. E’ il cofattore. Ricordate che i cofattori della sostanza A plus si trasformano in sostanza B. Si potrebbe avere una genetica assolutamente perfetta, questo enzima è perfettamente realizzato, ma se vi mancano i cofattori, significa che la conversione da A a B non funzionerà….

Ciò che colpisce davvero le persone è quando hanno una debolezza genetica e una debolezza da cofattore. Poi c’è un terzo pezzo. A volte ci sono cose che interferiscono. Ad esempio, piombo, mercurio e altre sostanze possono sopprimere questa funzione enzimatica….

È interessante notare che abbiamo tutti i tipi di backup. Un percorso può non funzionare, ma un altro può essere attivato. Ma quello che vediamo…… è che coloro che stanno lottando di solito hanno diverse strade bloccate. Inoltre, sono sottoposti a molteplici esposizioni epigenetiche….. Quando si combinano questi fattori epigenetici e genetici, questo è il momento in cui le cose iniziano ad andare male. ”

Pubblicità


Il rapporto tra il percorso mTOR e l’autofagia

significa “autodistruttivo” e si riferisce al processo nel vostro corpo di rimozione delle parti cellulari danneggiate e difettose che vengono prese di mira dal lisosoma, che poi le digerisce. La è una via di segnalazione molecolare responsabile della crescita o della riparazione, a seconda che sia stimolata o inibita.

Ho spesso detto che per regolare la manutenzione e le riparazioni verso l’alto (che aumenterebbe la longevità e ridurrebbe il rischio di cancro), è necessario rimuovere la traccia mTOR. Uno dei modi più efficaci è quello di limitare l’assunzione di proteine, ma non è l’unico modo. Autofagia e mTOR sono due processi che funzionano insieme, ma sono il contrario. Miller paragona mTOR ad una squadra di costruzione, mentre l’autofagia si riferisce alla squadra di pulizia.

Uno dei modi per sapere se l’autofagia non funziona è quando si ottengono queste macchie di età, macchie solari, macchie epatiche, non importa come li si vuole chiamare”, dice Miller. “E’ quando la vecchia cella non viene pulita e si ossida, diventa senescente. In realtà diventa una sorta di ossigeno reattivo che produce radicali liberi

Ora abbiamo bisogno di un equilibrio tra (mTOR e autofagia). Abbiamo bisogno di tempo per costruire e abbiamo bisogno di tempo per pulire. Una delle cose che il nostro istituto di ricerca (trovato) in alcuni dei nostri studi su persone con malattia di Lyme cronica (è) è che siamo esposti a fattori ambientali più epigenetici che stimolano il mTOR…..”

Fattori che attivano mTOR rispetto a quelli che supportano l’autofagia

Di seguito sono riportati alcuni esempi di fattori ambientali che attivano mTOR:

Xenoestrogeni (prodotti chimici plastici)
Proteine in eccesso
Eccesso di acido folico, folato o folato di metile
Eccesso di glutammato Aminoacidi come leucina, isoleucina e valina

Quando mTOR è attivato, inibisce l’autofagia e, secondo Miller, molti dei problemi di salute che le persone affrontano oggi sembrano essere legati all’eccessiva attivazione di mTOR.

È anche un mezzo con cui aiuta a migliorare la vostra salute, in quanto inibisce mTOR e attiva l’autofagia. Quando mTOR è attivato cronicamente, non solo inibisce l’autofagia, ma altera anche l’apoptosi (morte cellulare) e, in tal caso, anche il rischio di cancro aumenterà significativamente.

“Abbiamo identificato i geni coinvolti nell’autofagia”, dice Miller. “Si chiamano Unc-51, chinasi autofagy-activating chinasi 1 (ULK1), serina/treoninasi proteinasi (ULK2), proteina chinasi attivata da AMP (AMPK) 5 e ATTophaGy 1 (ATG1)

Tutti questi stimolano l’autofagia. Troviamo che quando le persone hanno molte varianti genetiche, specialmente quando ereditano da entrambi i genitori, è qui che la loro autofagia si indebolisce. Hanno 45 anni e sono coperti da macchie di età. Non possono disintossicarsi da soli

La dieta chetogenica, il digiuno intermittente e le sostanze nutritive (come il litio e la berberina) favoriscono l’autofagia. Il resveratrolo e la curcumina rallentano il mTOR

Quando si combinano i tre mimetici di restrizione calorica (CRM) (nota dell’editore: integratori che imitano gli effetti anti-età della restrizione calorica)….. così come la dieta keto e una qualche forma di digiuno intermittente – si è in grado di ripristinare l’equilibrio mTOR e autofagia. ”

Se la dieta chetogenica o il digiuno intermittente fallisce per voi, questo potrebbe essere il motivo per cui

Anche se questa è una strategia eccellente per la maggior parte delle persone, non funziona come ci si aspetta da tutti. Come ha spiegato Miller, i membri del suo team di ricerca hanno scoperto che avere un percorso di eme funzionale è estremamente importante quando si è in dieta chetogenica e/o a digiuno intermittente.

La proteina dell’eme è creata da un processo in otto fasi che inizia con il coenzima succinilico A (succinil CoA), la glicina e gli amminoacidi. L’eme protein è a sua volta un componente dell’emoglobina, ma è anche coinvolto nella produzione di ossido nitrico, catalisi, superossido dismutasi (SOD) e solfito ossidasi (SUOX), che è la conversione da solfuro a solfato.

“È coinvolta in così tanti processi che non sapevo nemmeno prima di iniziare a fare ricerche”, dice Miller. “Questo percorso (eme) può essere alterato da….. glifosato (che ha un impatto sulla glicina)…….. dal piombo…. e dalle varianti genetiche nel percorso dell’eme

Se questo accade, non si produce abbastanza eme, in modo da diventare un disintossicante molto cattivo. Ora, cosa interessante…… (è così) se le porfirine (glicoproteine responsabili della formazione dei pori nelle membrane cellulari) non vengono trasferite l’una all’altra, bloccheranno i siti dei recettori dell’acido gamma-aminobutirrico (GABA). Il GABA è il “Non preoccuparti. Sii felice. Dormire. Relax” (neurotrasmettitore). Chiaramente, ci sono problemi di ansia nel mondo di oggi

Se questo percorso di eme è interrotto, le persone hanno spesso bisogno di carboidrati. Se cercano di fare keto, non funziona. Se cercano di digiunare a intermittenza, non funzionerà……. È un piccolo numero di persone, ma per alcune persone che vogliono solo carboidrati, staranno bene se non hanno i loro carboidrati. Stanno alimentando questo sentiero emisferico

Se qualcuno ha già provato keto e pensa: “Questo non mi si addice”, il percorso dell’eme potrebbe essere alterato. Devi mantenere questi carboidrati che entrano regolarmente per nutrirlo, altrimenti ti senti orribile. Ricordo che in passato la gente mi diceva: “Ogni volta che cerco di mangiare sano, mi sento orribile. Quando mangio cibo spazzatura, mi sento meglio. ’

Una volta pensavo. Non sono sicuro che me la bevo. Ma ora che si capisce questo percorso di eme e che mangiare carboidrati e zuccheri semplici può alimentarlo, ha senso pensare che questo è uno scenario potenziale per alcune persone”

Anche se sei anemico, puoi comunque assorbire troppo ferro

Come accennato sopra, il ferro stimola mTOR. Ovviamente, il ferro è fondamentale per una salute ottimale. Senza una quantità sufficiente di ferro, non è possibile produrre una quantità sufficiente di emoglobina, che trasporta ossigeno nel corpo. Tuttavia, in eccesso, il ferro è incredibilmente distruttivo.

“E’ una delle cose interessanti che abbiamo trovato nella nostra ricerca. Molte persone hanno una predisposizione genetica all’eccessivo apporto di ferro, ma si dice loro per tutta la vita che sono anemici. Sembra una dicotomia; come si può essere anemici se si assorbe troppo ferro?

Una delle cose che…… troviamo in molti di coloro che lottano e non possono ottenere risposte da nessun’altra parte è che assorbono troppo ferro. C’è un enzima chiamato ferroportina (che è ciò che estrae il ferro dalle cellule. I PNS presenti, o difetti genetici, impediscono l’eliminazione del ferro. Grazie a quella che viene chiamata reazione di Fenton….. il ferro può combinarsi con il perossido di idrogeno per formare radicali idrossili

Questo può quindi creare un altro brutto radicale libero chiamato perossinitrito. Come risultato, la persona è anemica perché misurano ciò che contiene nel sangue, ma il ferro può essere in eccesso e all’interno delle cellule, causando un’infiammazione massiccia

Quando questo ferro colpisce l’interno della cellula, crea fatica perché i mitocondri hanno difficoltà a produrre energia. Sono persone che, se qualcuno dà loro il ferro, spesso si sentono molto peggio, perché hanno appena alimentato il fuoco

Durante le nostre consultazioni, probabilmente uno degli aspetti più importanti della nostra attività è identificare la reazione di Fenton e adottare misure correttive, ad esempio per trasformare il perossido di idrogeno in acqua utilizzando un enzima chiamato catalisi; sostenere enzimi e antiossidanti chiamati glutatione e tioredoxina, che trasformano il perossido di idrogeno in acqua, (e) utilizzando metodi omeopatici per far sì che il ferro si comporti da solo. ”

Secondo il signor Miller, questo può essere utile, in quanto aiuta a ridurre l’eccesso di radicali idrossili. “In parole povere, H2O2 più ferro equivale a un radicale idrossile libero (OH-), che è uno dei radicali liberi più reattivi e dannosi”, spiega Miller.

In precedenza, avevo intervistato Tyler LeBaron, uno dei maggiori esperti, e pensava che i benefici potrebbero essere più legati alla regolazione verso l’alto delle vie antiossidanti, come il fattore 2 del fattore 2 del fattore nucleare eritroide 2 (Nrf2). In ogni caso, qualunque sia il meccanismo, sembra chiaro che l’acqua idrogenata ha la capacità di neutralizzare i radicali liberi.

Situazioni in cui il NAC o il folato di metile possono girarsi

Ho già scritto sul fattore limitante, che è un importante antiossidante prodotto dal vostro corpo. Tuttavia, perché questo funzioni, è necessario disporre degli enzimi necessari. Inoltre, se avete un problema di ferro, la cisteina che prendete può combinarsi con il ferro per creare radicali idrossili, peggiorando la vostra situazione.

“Questo ci riporta al fatto che dobbiamo allontanarci dal tagliatore di biscotti.” Oh, sei in fiamme. Prendi la CNA. Il NAC può essere ciò di cui hai bisogno o può peggiorare la tua condizione, a seconda del tuo trucco genomico”, dice Miller.

Miller ha sviluppato una piramide gerarchica di diverse variabili e il suo approccio al loro trattamento. È interessante notare che molti di coloro che studiano la genomica funzionale pensano superficialmente che il difetto di metilazione sia uno dei più importanti. Questo è importante, ma secondo Miller, molti altri lo superano in termini di importanza.

“(Metilazione) spiega come usiamo l’acido folico o folato nella nostra dieta per trasformarlo in metil folato, una molecola molto importante. Per una donna incinta, bisogna averlo per una buona gravidanza. Non stiamo dicendo che non è una buona cosa…….. Una delle cose interessanti del folato di metile è che ne hai bisogno durante la gravidanza perché supporta mTOR

Se qualcuno già domina mTOR e prende il folato di metile, diventerà più ansioso e infiammato. Ho parlato con così tante persone che hanno detto: “Oh, sì. Ho il MTHFR. Qualcuno mi ha messo su B12 metile, metil folato di metile. “Mi sono sentito bene per due settimane, poi sono caduto”

Il motivo per cui potrebbero essere caduti è che hanno iniziato a stimolare mTOR, che ha indebolito la loro autofagia, che ha causato più infiammazione….. Mentre scaviamo più in profondità, ci siamo resi conto che il folato di metile è importante, ma deve essere fatto al momento giusto. E’ per questo che ho sviluppato la mia piramide

In fondo, abbiamo problemi che dobbiamo affrontare prima di tutto, ad esempio, il ferro diventa un radicale libero? Il perossido di idrogeno non viene cancellato? Esiste un disaccoppiamento dell’ossido nitrico sintasi (NOS)? – O piuttosto che produrre ossido nitrico, produciamo più perossinitrite

Poi guardiamo come produciamo gli antiossidanti. Come sono i nostri percorsi del glutatione? Come sta la nostra superossido dismutasi? Come facciamo il NADPH?…….. In sostanza, penso che quando le persone sono estremamente infiammate, bisogna prima affrontarle

Se una persona è molto infiammata, se il ferro crea radicali idrossili, se gli antiossidanti sono bassi….. e si aggiunge folato di metile…. c’è un’ottima probabilità che questo peggiorerà la situazione

In sostanza, se qualcuno è molto infiammato, vorrei pensare al metil folato sei-otto mesi dopo, due o tre giorni alla settimana. Tendiamo a pensare: “Se un po’ va bene per noi, molto deve andare bene per noi” Ora penso che dobbiamo portare avanti le cose. “

Sono pienamente d’accordo sul fatto che la pulsazione è un elemento chiave da non trascurare, sia che si prendano integratori, veloci o chetogenici. E’ importante passare attraverso cicli di accumulo e demolizione.

Per esempio, durante un digiuno parziale, si stimola l’autofagia tramite restrizione calorica. A quel punto, non si vorrebbe prendere nulla che stimoli mTOR (come il folato di metile o uno qualsiasi degli altri elementi sopra elencati), perché stimolando mTOR, si interrompe efficacemente il processo di autofagia.

I mastociti potrebbero distruggere la vostra salute

Il glutatione perde rapidamente gli elettroni, rendendolo inutilizzabile se non viene ricaricato. Come spiega Miller, “furto NADPH”, un termine che ha coniato, potrebbe essere in gioco anche in molti dei problemi di salute che la gente di oggi deve affrontare.

E ‘sempre più riconosciuto che si può avere un eccesso di mastociti. Miller stima che circa l’80% dei suoi clienti ha un’eccessiva attivazione dei mastociti, innescando reazioni di istamina. Uno dei segni di questo è il rossore facciale dovuto all’intolleranza al calore. La sensibilità al tatto è un’altra, come lo sono frequenti, eruzioni cutanee rosse ed elevate.

I mastociti sono globuli bianchi che vengono in soccorso quando un patogeno estraneo o un invasore deve essere eliminato. I mastociti in eccesso possono causare problemi, ma non sono intrinsecamente cattivi, e le strategie che li inibiscono possono ritorcersi controcorrente. Miller raccomanda invece di determinare perché i mastociti sono iperattivi.

Il suo team ha presentato la sua ricerca alla 19a conferenza annuale della Società Internazionale di Lyme Society e la Associated Diseases Society lo scorso novembre per identificare i fattori epigenetici che stimolano i mastociti. Spiega le relazioni tra mastociti, NADPH, NOX e glutatione:

“In poche parole, il glutatione….. ha la possibilita’ di dare un elettrone ad un radicale libero. Una volta fatto questo, si ossida. Allora dobbiamo restituire questo elettrone. C’è questa sostanza chiamata NADPH che restituisce questo elettrone.3 Prende questo glutatione ossidato e lo fa ridurre di nuovo. E’ una buona cosa

Ora, il NADPH ha un duplice ruolo. C’è anche un enzima chiamato NOX (NADPH oxidase). Il suo unico obiettivo è prendere questo NADPH e trasformarlo in un radicale libero….. Ora hanno fatto studi sugli animali. Quando rimuovono questo enzima NOX, l’animale muore per l’infezione perché non ha la capacità di uccidere l’agente patogeno

Anche in questo caso, gli NOX e i radicali liberi non sono male. Tuttavia, molti fattori sono attualmente sovraeccitanti NOX. Uno di loro è il solfito. Il solfito deve essere trasformato in solfati. Se abbiamo una carenza di eme, non saremo in grado di trasformare i solfiti in solfati….. Se i solfiti non si trasformano in solfati, i solfiti possono indicare all’enzima NOX: “Devi causare infiammazione”

La dopamina lo stimola (NOX), quindi lo stress lo provoca. Il glutammato lo stimola. Il ferro stimola l’enzima NOX, così come l’eccesso di mTOR….. NADPH viene rubato quando NADPH viene sottratto dal riciclaggio del glutatione, dal riciclaggio della tridoxina, dalla produzione di ossido nitrico e dalla formazione di mastociti in eccesso

Ci sono molte persone che lottano con i mastociti in eccesso. Sono molto malati. Non sanno cosa fare…… La muffa stimola anche i mastociti….

In sintesi, il NADPH è essenziale per il riciclaggio dei vostri antiossidanti. Credo che la nicotinammide adenina dinucleotide (NAD+) e NADPH siano tra i fattori più importanti per i quali possiamo avere livelli adeguati di longevità e buona salute. Ne consumiamo molto perché siamo esposti a molte sostanze tossiche. Poi, se un’altra serie di sostanze lo rubano per stimolare gli NOX a produrre mastociti, abbiamo semplicemente raddoppiato il problema. ”

Anche l’idrogeno molecolare gioca un ruolo in questo caso, poiché gli studi hanno dimostrato che l’idrogeno molecolare è un efficace inibitore di NOX.4 e potrebbe aumentare la tua concentrazione di NADPH. La curcumina inibisce anche gli NOX, così come la luteolina, l’apigenina e la foglia d’ulivo. L’aldosterone, invece, stimola l’NOX, dice Miller.

Maggiori informazioni

Questa intervista è piena di informazioni, non tutte le quali sono state trattate in questo articolo. Per ulteriori note a margine e affascinanti tangenti, vi consiglio di ascoltare l’intervista nella sua interezza.

Gli operatori sanitari interessati a saperne di più sull’analisi genomica funzionale e su come applicarla nella propria pratica possono visitare il sito web del NutriGenetic Research Institute, dove è possibile registrarsi per il loro modulo di 30 ore e 14 moduli.

I webinar per gli operatori sanitari si tengono ogni giovedì. Inoltre, tengono una conferenza annuale a Hershey, in Pennsylvania. Il prossimo è previsto per novembre 2019. A settembre organizzeranno anche un seminario sulla mappatura della tossicità ambientale, la disintossicazione e la metilazione.

I pazienti interessati a maggiori informazioni si riferiscono alla lista dei medici che hanno completato la formazione e sono qualificati per fornire una consulenza nutrizionale basata sul vostro SNP. Fino allo scorso anno, Miller poteva guidare i pazienti sulla base dei dati genetici forniti da aziende come 23andMe. Ora ha sviluppato un proprio test del DNA, in grado di identificare 300.000 SNPs.

E ‘importante notare che NutriGenetic Research Institute non venderà mai il tuo DNA privato o dati sanitari a nessuno, che è una delle ragioni per cui 23andMe è così poco costoso: fanno i loro soldi vendendo i risultati del tuo DNA alle aziende farmaceutiche.

“Ho promesso per iscritto a tutti che questi dati non saranno mai venduti a nessuno. L’altra cosa che le persone possono fare, se sono ancora preoccupate, puoi semplicemente cambiare il tuo nome. Tutto quello che devi fare è trovare un nome falso. Non importa. Chi se ne frega? Chi se ne frega? Devi solo ricordarti cos’è, dice Miller.

“I dati (DNA) da Brooks di Rutgers sono caricati nel mio software, che si trova a Chambersburg, Pennsylvania – un enorme database. Poi analizza i dati e fornisce un rapporto, compresa la piramide…….

Se sei malato, sei stato ovunque e non stai migliorando, è certamente un’opzione….. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a riprendersi. E per fare qualche progresso nella medicina funzionale – per aiutare i medici funzionali ad ottenere gli strumenti che possono aiutare, perché i medici funzionali vedono casi difficili. Vogliamo dare loro gli strumenti affinché possano fare un lavoro migliore….

Uno dei miei detti preferiti è: “La genetica non è mai una diagnosi, ma ti dice da dove cominciare” E’ come far risplendere la luce. Ricordati di guardare qui. Determinare se si tratta di un problema. “A volte l’NPS mostra un problema, a volte no, ma puo’ davvero darti indizi su dove non avresti mai pensato prima”